Il sito NUTRIRETE.lab è un prodotto del Progetto di una rete italiana di raccolta di dati bibliografici e analitici, Work Package 4 (WP4) dell’Unità Operativa 4 (UO4 – SIAGRO) del progetto QUALIFU (Qualità Alimentare e Funzionale), finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali – MIPAFF (D.M. 2087/7303/09 del 28/01/ 2009 e successive proroghe).
L’UO4 – SIAGRO ha come finalità la riorganizzazione della Banca Dati di composizione degli alimenti INRAN in una struttura permanente, ed in particolare il WP4 ha come finalità la creazione di un database di raccolta dei dati di composizione degli alimenti consumati in Italia. Questo database costituirà il principale archivio di dati da cui attingere per la compilazione, il completamento e l’aggiornamento delle banche dati di composizione degli alimenti in Italia.
Le attività del WP4 sono state affidate al Dipartimento di Igiene ed Epidemiologia dell’Università degli Studi di Udine (UNIUD) mediante convenzione con l’INRAN (ora CRA-NUT). Responsabile del Work Package è la Dott.ssa Maria Parpinel.

PERCHE UN SITO WEB?

Attraverso il sito web NUTRIRETE.lab, costantemente aggiornato per mostrare lo stato di avanzamento della raccolta di dati sulla composizione degli alimenti italiani, contiamo di raggiungere un numero maggiore di laboratori, rispetto a quanti ne abbiamo fino ad oggi raggiunti con lettere, e-mail e telefonate.
Il sito vuole anche essere uno strumento per mantenere viva la rete nel tempo. Una volta terminati i finanziamenti per il progetto il successo delle nostre attività verrà infatti misurato in base alla longevità delle attività del network e dalla sua capacità di attirare nuovi collaboratori, nuovi laboratori e nuovi dati, anche a progetto ufficialmente terminato, e di permettere il continuo aggiornamento del database prodotto.

Progetto di una rete italiana di raccolta di dati bibliografici e analitici (WP4)  e nascita del sito web NUTRIRETE.lab
Il progetto mira a finalizzare un protocollo per l’utilizzo di dati di composizione di origine analitica e bibliografica e creare un sistema di raccolta delle informazioni sulla composizione degli alimenti, prodotte in modo spesso inconsapevole da laboratori presenti sul territorio italiano, da utilizzare per l’aggiornamento sistematico delle Tabelle di composizione degli alimenti dell’ex-INRAN (ora CRA-NUT) e tutti i prodotti analoghi da esse derivati, come la Banca dati di composizione degli alimenti per studi epidemiologici in Italia (BDA IEO). La creazione di un prodotto informatico ad hoc permetterà di raccogliere tutti i dati con una propria documentazione consentendo così di generare dati di composizione plasmati sulle diverse esigenze dell’utenza, attuali e specifici per la popolazione italiana. Aggiornamenti e documentazione saranno basati su criteri standardizzati definiti a livello europeo nell’ambito del progetto EuroFIR (European Food Information Resource).

Oggetto della convenzione INRAN-UNIUD sono in particolare i seguenti punti:

  1. discussione e stesura protocollo di raccolta dati
  2. censimento dei laboratori e creazione di una rete
  3. preparazione del database di lavoro da utilizzare per la raccolta dati
  4. raccolta dei dati di composizione presso i laboratori che aderiranno al progetto, con modalità concordate con i vari partners
  5. archiviazione standardizzata di tutte le informazioni necessarie per l’inclusione dei dati di composizione
  6. preparazione delle procedure necessarie per la validazione delle modalità di archiviazione dei dati
  7. messa a punto di diagrammi di flusso per l’utilizzazione dei dati in forma individuale o aggregata
  8. valutazione e validazione del lavoro.

Il Progetto di una rete italiana di raccolta di dati bibliografici e analitici permetterà di:

  1. ottimizzare l’utilizzo delle risorse, creando un collegamento con i produttori di dati di composizione
  2. migliorare la diffusione e la conoscenza dei dati di composizione degli alimenti. La disponibilità di dati aggiornati e basati su alimenti consumati nel nostro paese permetterà di garantire la specificità delle tabelle di composizione degli alimenti italiane ed offrirà l’opportunità di ricerca per capire più a fondo il ruolo della dieta nell’insorgenza di numerose malattie quali ad esempio tumori, diabete, obesità e malattie cardiovascolari (Joint WHO/FAO Expert Consultation, 2003; WCRF, 2007), nel nostro Paese
  3. individuare gli alimenti e/o i componenti alimentari per i quali le informazioni italiane sono carenti, stimolare lo studio di questi alimenti e/o componenti alimentari e promuovere la raccolta di finanziamenti mirati alle analisi. Si cercherà anche di coinvolgere enti e strutture che per qualche motivo inizialmente non aderiranno al progetto, sottolineando l’importante ricaduta che avrà lo scambio di queste informazioni sullo sviluppo della conoscenza della composizione degli alimenti per usi di tipo economico e commerciale e della ricerca in campo epidemiologico-nutrizionale in Italia
  4. stabilire un protocollo condiviso per l’utilizzo di dati di composizione di origine bibliografica
  5. collaborare con gli altri WP nel lavoro di identificazione dei possibili utenti di questi dati e nel lavoro di progettazione di prodotti ad hoc per l’analisi di dati di consumo di gruppi di popolazione (sana e malata), per l’etichettatura nutrizionale degli alimenti, per la gestione delle politiche alimentari del Paese, per la stesura di programmi di educazione alimentare, per l’informazione dei consumatori e dei media
  6. collaborare con gli altri WP per la pubblicazione di prodotti più specifici, legati a particolari esigenze di divulgazione scientifica e/o di informazione generale.

Bibliografia

Parpinel M, Gnagnarella P, Concina F, Barbone F, Maisonneuve P, Marletta L, Salvini S. Rete Italiana di raccolta dei dati di composizione degli alimenti di origine bibliografica e analitica. Tecnica Molitoria giugno 2012;6:581-5.

Salvini S, Parpinel M, Gnagnarella P, Misotti A, Concina F, Barbone F, Maisonneuve P, Camilli E, Marletta L. Una rete di laboratori per migliorare la valutazione della dieta Italiana. Poster presentato alla Riunione Nazionale SINU 2013 «Comprendere ed applicare i LARN» Firenze, 21-22 ottobre 2013.